loading...

Tra Vettel e Ferrari finisce in disgrazia Sfregio del tedesco: chiama gli avvocati

1480839777530-jpg-sebastian_vettel-550x367

loading...

Formula 1, Sebastian Vettel scatena gli avvocati per scaricare la Ferrari e andare in Mercedes

Poche ore dopo il clamoroso ritiro di Nico Rosberg dalla Formula 1 ha iniziato a prendere consistenza una voce: in Mercedes ci finirà l’altrettanto tedesco Sebastian Vettel, pronto a dire addio alla Ferrari dopo due anni di alterne fortune. Il punto, certo, è che Seb ha un altro anno di contratto con la rossa. Altrettanto certo, per la Mercedes è proprio lui la prima opzione. Ed è in questo contesto che, secondo Repubblica, Vettel avrebbe elaborato una strategia per scaricare la Ferrari. Secondo le indiscrezioni, il pilota avrebbe dato mandato ai suoi avvocati di studiare approfonditamente il contratto che lo lega alla Ferrari, alla ricerca di clausole e cavilli che gli permettano di svincolarsi.

Ma – ancor più clamoroso – gli avvocati avrebbero già trovato questi cavilli: Maranello, infatti, sarebbe inadempiente rispetto a molti dei punti esplicitamente previsti nel contratto siglato più di due anni fa. Nel dettaglio, gli avvocati sottolineano come il team italiano si era impegnato a ricevere e considerare le opinioni del pilota nella scelta in entrata e in uscita dei tecnici, oltre al fatto che la scuderia si era impegnata a garantire standard di sviluppo vettura e organizzazione interna almeno pari a quelli della Red Bull. Nessuna di queste condizioni si sarebbe verificata: per gli avvocati di Vettel, queste circostanze potrebbero avere un forte rilievo nell’eventuale trattativa che porterebbe alla rottura.

Comunque vada a finire, la mossa di Seb ha probabilmente incrinato per sempre i suoi rapporti con il Cavallino, tanto che l’idea che la Ferrari lo lasci andar via (certo, trovando il modo di fargli pagare il prezzo più alto possibile) non è più così peregrina.

http://www.liberoquotidiano.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook