loading...

È difficile da credere, ma mangiare le caccole del naso fa bene. Ecco perché.

1naso

loading...

Mettersi le dita nel naso non è considerata una buona abitudine. Molti pensano sia poco igienico, disgustoso e un segno di cattiva educazione. Ma è davvero così terribile? C’è un ricercatore che non la pensa esattamente così ma, al contrario, dice che fa molto bene!

Scott Napper è docente di Biochimica presso l’Università di Saskatchewan in Canada. Il professore afferma che la rinotillexomania (questo il termine medico) non è solo innocua, ma anzi è anche un toccasana per il corpo.I primi studi del dottor Napper risalgono al 2013, e sono stati in tanti a sollevare dubbi al riguardo. Per capire meglio da cosa sia originata questa tesi, partiamo dalla composizione delle caccole.Si tratta di secrezioni che passano dalla faringe all’esofago. Si rapprendono quindi nella narici e diventano la sostanza che noi tutti conosciamo. Vi si concentrano anche sporco e polvere ma, nel 90% dei casi, si tratta semplicemente di acqua che, ovviamente, è innocua.
Il medico afferma che proprio lo sporco e la polvere rendono salutare e importante mangiare le caccole. “Sotto un punto di vista evolutivo, ci siamo armati per combattere qualsiasi condizione di sudiciume. Ma esistono anche degli svantaggi nel vivere in ambienti completamente sterili”, afferma Napper. E aggiunge che l’1% delle secrezioni del naso è composto da anticorpi che possono aiutare il nostra sistema immunitario.

La tesi sembra rinforzata dal fatto che il 91% della popolazione si dedica a questa pratica. Il medico è alla ricerca di volontari per uno studio a lungo termine durante il quale vuole monitorare gli effetti che hanno sul corpo questa “pulizia” del naso e il conseguente ingerimento di quanto trovato. I colleghi dell’università sono scettici, ma gli studenti sembrano aperti alla possibilità di indagare “a fondo” la materia.

Sicuramente una posizione molto decisa, ma possiamo tutti ammettere che respirare liberamente dopo aver eliminato certo materiale è una bella sensazione. Scott Napper non ha alcuna intenzione di abbandonare la ricerca e spera presto di poter rendere pubblici nuovi risultati, portando tutti ad avere un rapporto più sano con le secrezioni del proprio naso.

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook